Skip to main content

Fatturazione elettronica per enti NO profit

Il 1°gennaio è alle porte e con esso l’obbligo di emissione della fattura in formato elettronico anche per il B2B/B2C (quindi anche tra privati e per i consumatori finali).

L’obbligo di emettere fatture in formato elettronico NON riguarda i soggetti che operano in regimi fiscali agevolati che, però, le riceveranno in detto formato. Le proloco (ma in generale gli Enti del Terzo Settore e le associazioni di ogni tipo) dovranno, quindi emettere le fatture in formato elettronico (se in possesso di partita iva) e le riceveranno in formato elettronico (tutte, anche quelle in possesso del solo codice fiscale).

COS'E' LA FATTURAZIONE ELETTRONICA?

Il sistema di fatturazione elettronica consiste in una metodologia interamente digitale che permette di compilare, inviare e conservare le fatture abbandonando la carta e tutti i costi ad essa collegati. Questa definisce un percorso standardizzato grazie al Sistema di Interscambio (SdI) di Agenzia Entrate, in base al quale:

la fattura elettronica dovrà essere compilata tramite un software ad hoc;

  • su di essa dovrà essere apposta, salvo eccezioni, una firma elettronica (digitale qualificata) dal soggetto che la emette o dal suo intermediario;
  • l’emissario della fattura dovrà inviarla al cliente destinatario tramite il Sistema di Interscambio (il quale ne verificherà l’integrità oltre che la correttezza del contenuto);
  • dopo controlli tecnici automatizzati, il Sistema di Interscambio provvederà ad inoltrare la fattura al destinatario cui è indirizzata (in caso di scarto si considererà non emessa dall’origine e dovrà essere ritrasmessa entro 5 giorni).

(altro…)

Approfondisci

Delega per l’accesso al cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un servizio fornito dall'Agenzia delle Entrate che permette di consultare online la propria posizione fiscale e tutti i dati ad essa relativi, versamenti, rimborsi, eventuali dati di condono e concordati nonché dati anagrafici e patrimoniali.

Il servizio è fruibile online, quindi direttamente da casa, motivo per cui sono necessari i dati di accesso; si può accedere al cassetto fiscale anche se si è in possesso delle credenziali SPID, Sistema Pubblico di Identità Digitale. (altro…)

Approfondisci

Gli strumenti di welfare aziendale: la sanità integrativa

Un elevato numero di imprese concede un piano di welfare ai dipendenti. Molte di esse offrono la possibilità di scegliere all'interno di un paniere di servizi: tra più forniti dalle aziende ci sono la ristorazione, la previdenza integrativa, l’istruzione e l’assistenza sanitaria.

Alternativo ai classici premi in denaro, il welfare aziendale è una piano vantaggioso sia per il dipendente che per l’azienda, che così facendo gode di sgravi fiscali e risparmia in liquidità. (altro…)

Approfondisci

Legge 104: illegittimità del licenziamento nel caso di permessi di lavoro per l’assistenza ai disabili fruiti per svolgere attività nel loro interesse.

Pubblicata il 2 ottobre, la Sentenza n. 23891/2018 della Corte di Cassazione ha chiarito che il concetto di assistenza personale va inteso in senso ampio pertanto i permessi per l’assistenza ai disabili previsti dalla Legge n. 104/1992 sono fruibili dal lavoratore sia per l’assistenza fisica al disabile presso la sua abitazione che per svolgere attività nel suo interesse fuori dall'abitazione. (altro…)

Approfondisci

Postepay Inps Card

Nasce Postepay INPS Card, una carta prepagata emessa da Poste Italiane e rivolta ai titolari di una pensione; con essa non sarà più necessario recarsi mensilmente presso gli uffici postali poiché la pensione ed altre tipologie di contributi Inps accreditabili saranno erogati direttamente sulla carta. Si ricorda che a seguito della legge 214/2011, gli importi pensionistici superiori ai 1000 euro devono essere infatti versati dagli enti previdenziali utilizzando solo canali elettronici. (altro…)

Approfondisci