Skip to main content

Bonus sicurezza per la video sorveglianza

In FiscoLa legge 208 del 2015 (articolo 1, comma 982) ha previsto agevolazioni fiscali per l’acquisto di impianti di videosorveglianza.

Gli oneri sostenuti dalle persone fisiche per l’installazione di sistemi di videosorveglianza digitale e impianti di allarme, nonché per le spese connesse a contratti stipulati con istituti di vigilanza dirette alla prevenzione di attività̀ criminali danno diritto al riconoscimento di un credito d’imposta, da riportare nella dichiarazione modello Redditi 2018 Persone fisiche.

Condizione necessaria per beneficiare del credito d’imposta è aver inoltrato la richiesta all’Agenzia delle Entrate entro il 20 marzo 2017.

Questa detrazione fiscale viene riconosciuta esclusivamente ai soggetti IRPEF che non svolgono attività di impresa o di lavoro autonomo. Le spese sostenute possono essere sottoposte a credito di imposta solo se riguardanti immobili non impiegati per il lavoro autonomo o per l’esercizio di attività di impresa. Per le spese sostenute in riferimento all'immobile destinato sia all'esercizio d'impresa o lavoro autonomo che all'uso personale o familiare, il credito d'imposta sarà ridotto del 50%.

Il credito d’imposta spetta ai contribuenti che nel 2016 hanno sostenuto spese per l'installazione di sistemi di videosorveglianza digitale o di sistemi di allarme e per i contratti stipulati con istituti di vigilanza, dirette alla prevenzione di attività criminali.

La quota del credito fruibile rispetto alle spese sostenute è stata fissata con provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 30 marzo 2017 ed è pari al 100% delle stesse, così l'importo pagato verrà completamente rimborsato pagando meno tasse del dovuto.

Il credito può essere usato solo in compensazione per il pagamento di imposte, utilizzando il modello F24, che va presentato con un’istanza telematica all’Agenzia delle Entrate. Sul sito dell’Agenzia delle Entrate è disponibile gratuitamente un software che consente la compilazione e la trasmissione dell’istanza.

Se non si è titolari di reddito d’impresa o di lavoro autonomo si può usufruire del credito portandolo in diminuzione delle imposte dovute in base alla dichiarazione dei redditi.

Il codice tributo del credito fruibile è 6874, colonna importi a credito compensati, sezione Erario.

L'Agenzia delle Entrate effettuerà dei controlli automatizzati su ogni modello F24 ricevuto.

Dott. Vincenzo Lo Sasso

Dottore Tributarista,

Lascia un commento