Skip to main content

Modello 730 e nuove detrazioni 2019

Come ogni anno, l’Agenzia delle Entrate dal 15 aprile 2019 predisporrà il 730 precompilato; i termini di presentazione rimangono il 23 luglio o il 7 luglio 2019 per chi effettua la dichiarazione tramite il sostituto d’imposta.

La pubblicazione dei modelli per le dichiarazioni è già iniziata: online troviamo le bozze del 730/2019 complete di istruzioni; il modello è consultabile sul sito dell’Agenzia.

Fra le massime novità, le detrazioni sui lavori di ristrutturazione: confermate le principali agevolazioni sulle ristrutturazione edilizie e il bonus energia come gli anni addietro (rispettivamente al 50 e 65%) e introdotte delle nuove fattispecie.

Permane il bonus giardini, una detrazione del 36% fino a un massimo di 36.000 euro per i lavori di sistemazione a verde di aree scoperte private, impianti di irrigazione, pozzi e coperture a verde di giardini pensili.

Entra in dichiarazione la detrazione del 19% sui premi per assicurazioni contro il rischio di eventi calamitosi stipulati dal 1 gennaio 2018 per unità immobiliari a uso abitativo.

Prevista anche la detrazione per gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali delle zone sismiche 1, 2 e 3 diretti sia alla riqualificazione energetica che alla riduzione del rischio sismico: per il passaggio a una classe di rischio inferiore il sisma bonus è dell’80%, dell’85% se a due classi di rischio inferiori.

Presente anche la detrazione IRPEF del 19% relativa agli abbonamenti al trasporto pubblico: ha l'obiettivo di incentivare l'utilizzo dei mezzi pubblici ed è prevista per gli abbonamenti al trasporto pubblico (fino a 250 euro, detrazione massima 47,50 euro).

Per gli studenti con diagnosi di DSA (disturbo specifico dell'apprendimento) è prevista una detrazione del 19% sulle spese sostenute nel 2018 per l’acquisto di strumenti utili all'apprendimento, fino al completamento della scuola secondaria di secondo grado.

Infine si prevedono anche agevolazioni al 30% per le erogazioni liberali in favore di Onlus, associazioni di promozione sociale e al 35% per le organizzazioni di volontariato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*