Skip to main content

Welfare aziendale

Il Welfare aziendale è il complesso di iniziative e i piani messi in atto dal datore di lavoro al fine di migliorare la qualità di vita del dipendente. I piani di welfare, ovvero di benessere aziendale, hanno l’obiettivo di migliorare la soddisfazione dei lavoratori nonché ottimizzare il clima di lavoro.

Le aziende hanno la possibilità di mettere a disposizione del dipendente alcuni servizi per ottimizzare la qualità lavorativa e di vita del lavoratore come sconti, convenzioni per l’accesso a beni e servizi, servizi alla famiglia quali asilo, mutui, previdenza, istruzione, senza dimenticare i servizi alla persona come palestre, shopping e buoni benzina.

Normalmente le aziende che decidono di attuare piani di welfare per i dipendenti predispongono anche una piattaforma dalla quale i lavoratori possono prenotare ed acquistare i servizi.

Un eventuale aumento in busta paga, alternativo ai servizi rientranti nel piano di Welfare aziendale messi a disposizione dalle aziende, rappresenterebbe comunque un benefit che il dipendente può spendere come vuole ma la corresponsione in busta paga, sebbene gradita, non è definibile welfare in quanto considerata nella soglia di reddito mensile, probabilmente spesa per gli acquisti ordinari e non per altri servizi e benefit aggiuntivi tesi ad aumentare la soddisfazione dei dipendenti.

Com'è noto, ai premi di produttività in denaro si applica un’imposta sostitutiva dell’IRPEF pari al 10%; nell'agevolazione rientrano solo i premi produttività fino a 3.000 euro (aumentabili a 4.000 per i dipendenti attivamente coinvolti nella gestione del lavoro) ma se il dipendente decide di mutare il premio in denaro in servizi di welfare aziendale all'importo non si applica alcuna tassa.

L’art. 51 del TUIR indica beni e servizi che il lavoratore può convertire in beni di welfare aziendale, usufruendo quindi della detassazione: si va dai prestiti a tasso agevolato alla previdenza complementare, dal servizio mensa ai ticket restaurant, dai servizi per l’educazione e l’istruzione all'assistenza sanitaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*