Skip to main content

Esterometro 2019

Per via dell’entrata in vigore della fattura elettronica, dal 2019 un nuovo adempimento, il cosiddetto “esterometro”, ha il compito di informare l’amministrazione finanziaria delle operazioni non soggette a fattura elettronica poste in essere nei confronti di soggetti non residenti in Italia.

Il Dlgs 127/2015, modificato dalla Legge di Bilancio 2018, stabilisce che i soggetti residenti, stabiliti o identificati in Italia, indichino telematicamente tutte le operazioni di cessione di beni e prestazioni di servizi effettuate e ricevute da soggetti non residenti e non stabiliti nel territorio dello Stato. (altro…)

Approfondisci

Fattura elettronica: nessuna sanzione ai ritardatari per i primi 6 mesi dell’anno.

L’obbligo di fatturazione elettronica tra privati titolari di partita IVA scatterà dal 1° gennaio 2019 per tutte le operazioni tra soggetti aventi partita Iva, persone o imprese (Business to Business, B2B) e di soggetti con partita Iva verso consumatori (privati senza partita Iva, Business To Consumer, B2C).

Al fine di ridurre gli effetti negativi del possibile ritardo nell'adeguamento dei sistemi informatici, il decreto fiscale collegato alla legge di bilancio ha previsto sei mesi senza sanzioni in caso di ritardo e la possibilità di emettere la fattura entro 10 giorni dall'operazione nonché di registrarla entro 15 giorni dall'operazione. (altro…)

Approfondisci

Fatturazione elettronica per enti NO profit

Il 1°gennaio è alle porte e con esso l’obbligo di emissione della fattura in formato elettronico anche per il B2B/B2C (quindi anche tra privati e per i consumatori finali).

L’obbligo di emettere fatture in formato elettronico NON riguarda i soggetti che operano in regimi fiscali agevolati che, però, le riceveranno in detto formato. Le proloco (ma in generale gli Enti del Terzo Settore e le associazioni di ogni tipo) dovranno, quindi emettere le fatture in formato elettronico (se in possesso di partita iva) e le riceveranno in formato elettronico (tutte, anche quelle in possesso del solo codice fiscale).

COS'E' LA FATTURAZIONE ELETTRONICA?

Il sistema di fatturazione elettronica consiste in una metodologia interamente digitale che permette di compilare, inviare e conservare le fatture abbandonando la carta e tutti i costi ad essa collegati. Questa definisce un percorso standardizzato grazie al Sistema di Interscambio (SdI) di Agenzia Entrate, in base al quale:

la fattura elettronica dovrà essere compilata tramite un software ad hoc;

  • su di essa dovrà essere apposta, salvo eccezioni, una firma elettronica (digitale qualificata) dal soggetto che la emette o dal suo intermediario;
  • l’emissario della fattura dovrà inviarla al cliente destinatario tramite il Sistema di Interscambio (il quale ne verificherà l’integrità oltre che la correttezza del contenuto);
  • dopo controlli tecnici automatizzati, il Sistema di Interscambio provvederà ad inoltrare la fattura al destinatario cui è indirizzata (in caso di scarto si considererà non emessa dall’origine e dovrà essere ritrasmessa entro 5 giorni).

(altro…)

Approfondisci

Delega per l’accesso al cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un servizio fornito dall'Agenzia delle Entrate che permette di consultare online la propria posizione fiscale e tutti i dati ad essa relativi, versamenti, rimborsi, eventuali dati di condono e concordati nonché dati anagrafici e patrimoniali.

Il servizio è fruibile online, quindi direttamente da casa, motivo per cui sono necessari i dati di accesso; si può accedere al cassetto fiscale anche se si è in possesso delle credenziali SPID, Sistema Pubblico di Identità Digitale. (altro…)

Approfondisci

Postepay Inps Card

Nasce Postepay INPS Card, una carta prepagata emessa da Poste Italiane e rivolta ai titolari di una pensione; con essa non sarà più necessario recarsi mensilmente presso gli uffici postali poiché la pensione ed altre tipologie di contributi Inps accreditabili saranno erogati direttamente sulla carta. Si ricorda che a seguito della legge 214/2011, gli importi pensionistici superiori ai 1000 euro devono essere infatti versati dagli enti previdenziali utilizzando solo canali elettronici. (altro…)

Approfondisci