Skip to main content

Deduzione IRES fino al 50% per gli investimenti in startup innovative

L’articolo 1 della Legge di Bilancio 2019 disciplina alcune misure tributarie tese ad incentivare gli investimenti di imprese e professionisti e ad incoraggiare l’espansione delle startup innovative.

Il comma 218 potenzia le aliquote di detrazioni e deduzioni previste per chi investe nel capitale sociale di una start up innovativa: nel 2019 le aliquote a favore di chi investe nel capitale sociale di una start up innovativa passano dal 30% al 40% e dal 30% al 50% qualora i soggetti IRES acquisiscano l’intero capitale sociale di start up innovative, a condizione che sia poi mantenuto per almeno tre anni. (altro…)

Approfondisci

Modello 730 e nuove detrazioni 2019

Come ogni anno, l’Agenzia delle Entrate dal 15 aprile 2019 predisporrà il 730 precompilato; i termini di presentazione rimangono il 23 luglio o il 7 luglio 2019 per chi effettua la dichiarazione tramite il sostituto d’imposta.

La pubblicazione dei modelli per le dichiarazioni è già iniziata: online troviamo le bozze del 730/2019 complete di istruzioni; il modello è consultabile sul sito dell’Agenzia. (altro…)

Approfondisci

Conguaglio IRPEF di fine anno in busta paga

Nella busta paga di dicembre è presente il conguaglio IRPEF, cioè il ricalcolo delle imposte dovute attuato dal datore di lavoro in relazione all'imposta sul reddito da lavoro e alle addizionali regionali e comunali. La conseguenza può essere un rimborso fiscale o una trattenuta, dipendente dalle detrazioni spettanti per lavoro dipendente o carichi familiari e dalla tassazione applicabile al reddito annuale. (altro…)

Approfondisci

Le misure per la famiglia nel 2019

Per effetto della legge di Bilancio, nel 2019 divengono esecutive alcune innovazioni normative riguardanti le famiglie.

Previo parere favorevole del medico, le future mamme potranno lavorare fino al parto, ritardando il congedo per godere dei cinque mesi di maternità dopo la nascita del figlio. E’ prevista anche una corsia preferenziale per le richieste di lavoro flessibile nei tre anni successivi al rientro dalla maternità. (altro…)

Approfondisci

Veicoli inquinanti: tasse ed esenzioni 2019

La legge di Bilancio 2019 promuove l’acquisto di veicoli ecologici e viceversa prevede nuove imposte per chi acquista veicoli ritenuti dalla legge particolarmente inquinanti.

Nello specifico, l’imposta riguarda i veicoli inquinanti di nuova immatricolazione. Vengono considerate particolarmente inquinanti, e pagheranno l’Ecotassa 2019, le auto di categoria M1 con emissioni superiori ai 160 grammi di anidride carbonica per chilometro (160 CO2 g/km). Sono quindi esentate le utilitarie più comuni e sarà tassato l'acquisto di Suv e di altre auto di grande cilindrata. L’importo dell'Ecotassa sarà parametrato alle emissioni con la previsione di alcuni scaglioni, da un minimo di 1.100 a un massimo di 2.500 euro. (altro…)

Approfondisci

Agevolazioni per colonnine di ricarica di auto e moto elettriche

Oltre agli sconti sull'acquisto di veicoli poco inquinanti e gli incentivi alla rottamazione, dal 2019 sono previste delle agevolazioni per la posa in opera di colonnine di ricarica di auto e moto elettriche.

L’agevolazione è prevista dalla legge di Bilancio 2019 che incentiva le auto elettriche annunciando una detrazione del 50% (fino ad un massimo di 3mila euro) per le spese sostenute per l’acquisto e la posa in opera di infrastrutture di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica, compresi i costi iniziali per la richiesta di potenza addizionale fino ad un massimo di 7 kW. (altro…)

Approfondisci

Nuovi incentivi Ecobonus per l’acquisto di veicoli poco inquinanti

La legge di Bilancio 2019 promuove l’acquisto di veicoli verdi. Da quest'anno esordiscono gli incentivi per l’acquisto di veicoli poco inquinanti, autoveicoli e motocicli con caratteristiche ecologiche. E’ previsto uno sconto su acquisto e rottamazione di un veicolo usato e viceversa nuove imposte per chi acquista veicoli inquinanti. (altro…)

Approfondisci

Calendario delle scadenze fiscali di dicembre 2018

Mese di scadenze fiscali, degli adempimenti IVA, della rottamazione bis delle cartelle esattoriali e del saldo IMU e TASI, dicembre porta con sè una serie di obblighi fiscali ben specificati nel calendario fiscale dell’Agenzia delle Entrate

Ormai scaduti il 3 dicembre i termini per il versamento dell’imposta di registro sui contratti di locazione e affitto stipulati o tacitamente rinnovati il 1° novembre scorso per quei soggetti che non hanno optato per il regime della cedolare secca e il 7 dicembre i termini per la rottamazione delle cartelle esattoriali di cui al D.L. 148/2017 per coloro che hanno aderito alla rottamazione bis senza effettuare i versamenti nei mesi scorsi aderendo automaticamente della Rottamazione Ter sull'importo residuo dovuto (che sarà versato in 5 anni da luglio 201), entro il 17 dicembre è  necessario effettuare il saldo di IMU e TASI e adempiere, mediante modello F24, agli obblighi IRPEF e INPS. (altro…)

Approfondisci